Archivi tag: verde pubblico

La natura prima di tutto

Condividi!

Milano si dota del Regolamento di tutela del verde pubblico e privato. Tanti gli elementi innovativi, a partire dal coinvolgimento dei cittadini

http://www.mitomorrow.it/2017/12/18/la-natura-prima-di-tutto/

mi-tomorrow-2017-12-18-16

 

LEGGI QUI L’ARTICOLO

Piccoli grandi pollici verdi

Condividi!

Il Comune di Milano è sempre a caccia di aspiranti Guardie Ecologiche Volontarie. Impegno di almeno 14 ore mensili, l’agronomo Marinoni: «I nostri migliori amici»

http://www.mitomorrow.it/2017/12/07/piccoli-grandi-pollici-verdi/

mi-tomorrow-2017-12-07-16

ANCHE QUEST’ANNO IL COMUNE GESTISCE IL CORSO PER ASPIRANTI GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE, CHE HANNO BISOGNO  DI VOI!

Le Guardie Ecologiche Volontarie (GEV) sono cittadini che scelgono di mettere a disposizione, da quasi trent’anni, parte del proprio tempo libero per la tutela ambientale. Le GEV sono veri e propri Pubblici Ufficiali con funzioni di Polizia Amministrativa, che possono accertare e sanzionare abusi.II servizio volontario di vigilanza ecologica fu istituito negli anni Ottanta per favorire la formazione di una coscienza civica di rispetto e di interesse per la natura ed il territorio, per la loro tutela e per una razionale gestione delle risorse ambientali. Le guardie vigilano al fine di prevenire, segnalare, o accertare, fatti e comportamenti scorretti, collaborando con le autorità competenti per la raccolta di informazioni, per il monitoraggio ambientale, e per le operazioni di pronto intervento in caso di emergenza.Spetta al Comune di Milano conferire l’incarico di GEV ai volontari, nominati dal Prefetto“Guardie Particolari Giurate”, in base a quanto previsto dal decreto del Presidente della Giunta regionale.Il potere di accertamento delle GEV può essere esteso ai regolamenti di parchi regionali, province, comunità montane ecapoluoghi. L’impegno richiesto è di almeno 14 ore mensili, da distribuire negli orari previsti dall’Ordine di Servizio secondo le esigenze dell’Ente organizzatore e le disponibilità della Guardia.Dotate di una sede in ogni Municipio, le GEV hanno a disposizione diversi strumenti tecnici di lavoro, tra cui auto, biciclette e smartphone da usare in servizio, oltre ad un abbonamento annuale Atm pagato al 70% dal Comune.

I NOSTRI MIGLIORI AMICI .L’aspirante GEV deve possedere i requisiti fisici, tecnici e morali che la rendono idonea al servizio, frequentare un corso di formazione trimestrale di circa 60 ore, che viene organizzato quasi ogni anno, ed effettuare l’addestramento pratico, oltre a superare un esame teorico davanti ad una Commissione regionale, perconseguire la nomina.Carlo Maria Marinoni, agronomo del Settore Arredo, Verde e Qualità Urbana del Comune di Milano, ritiene le guardie ecologiche volontarie << i nostri migliori amici, sia come dipendenti del settore, che come cittadini. Le GEV sono uno strumento preziosissimo, perché dimostrano affetto e dedizione nei confronti della cosa pubblica, facendo da esempio agli altri cittadini: sono un po’ i papà e i nonni della città, dei custodi del verde pubblico che impongono una mano leggera ed amichevole quando si tratta di educare, ed una piùdura quando invece devono intervenire su situazioni scorrette. Sono una risorsa preziosissima per tutti noi, soprattutto tenendo presente che sono volontari>>. Per l’anno 2017 è in fase di svolgimento un nuovo Corso di formazione <<e sono molto fiero di aver tenuto due lezioni per le nuove GEV>>, ha detto Marinoni. Le guardie operano anche in quegli spazi non verdi della città in cui è maggiormente avvertita l’esigenza di tutela dal degrado.Oltre alla vigilanza e al controllo del territorio, operano nell’ambito dell’educazione e sensibilizzazione alle tematiche ambientali nelle scuole(primarie e secondarie inferiori). Le GEV si avvalgono di supporti didattici legati alle tematiche trattate (aria, acqua, verde, rifiuti, e risparmio energetico) e al termine del ciclo di incontri, i ragazzi ricevono la tessera di “GEV Junior”.Gli interventi educativi, totalmente gratuiti, possono essere richiesti direttamente dalle scuole. Carlo Magenta, volontario da ben 17 anni, ci racconta che <<educareal rispetto della città crea buone abitudini in ragazzini ricettivi: io ad esempio tengo corsi di botanica e di riconoscimento delle piantenei parchi >>.

VOLONTARIATO PROFESSIONALE .A Milano le GEV supportano in particolare nel censimento delle discariche abusive, collaborano con la Polizia Locale per il monitoraggio dell’infestante “ambrosia artemisiifolia”, gestiscono campagne periodiche di misurazione del livello dell’acquadella falda, monitorano il tarlo asiatico (“anoplophorachinensis”), realizzano percorsi botanici nei parchi e visite rivolte alla cittadinanza, come quella di novembre assieme a Mami Azuma, del Museo di Storia Naturale, nel Museo Botanico Aurelia Josz alla scoperta delle gemme sui rami. Le GEV organizzano annualmente l’iniziativa “Meraviglie e tesori nascosti nei parchi di Milano”, per valorizzare il nostro patrimonio ambientale.<<I volontari anni fa erano ridotti all’osso, sia a livello quantitativo, che di disponibilità strumentale>>, racconta Magenta, <<poi negli ultimi 3, 4 anni, c’è stata un bella ripresa: siamo ripartiti con tre corsi di fila e puntiamo al numero ideale di GEV (mai raggiunto), di 250-300 addetti. Il buon dilettante è una figura che in quest’ambito non deve esistere. Servono volontari professionali, anche perché nel servizio di vigilanza ecologica 188 GEV e circa 8 vigili lavorano a stretto contatto, pianificando un servizio che si evolve di mese in mese>>.<<Siamo un tratto d’unione tra i milanesi e le istituzioni>>, prosegue Magenta, <<i cittadini possono farci segnalazioni che, se rientranti nelle nostre competenze, possiamo risolvere direttamente, salvo che per il pronto intervento>>.

C’È SEMPRE BISOGNO DI SUPPORTO .<<In assenza di questo servizio>>, ci racconta Marinoni,  il comunque sarebbe in difficoltà nel gestire il controllo del verde pubblico (circa 24.116.701 m²), perché le forze dell’ordine hanno disposizioni diverse, troppe problematiche da affrontare, e non possono ragionevolmente dedicarsi a tutti questi “piccoli” abusi a carico del verde pubblico. Il ruolo è proprio quello di essere dedicati a questa realtà, in assenza della quale il comune farebbe molta più fatica a mantenere l’ordine. <<Voglio dire alle possibili future aspiranti GEV: fatelo, pensateci! E’ interessante e porta via il tempo che potete dedicargli: è un attività dura e impegnativa, soprattutto per via della maleducazione ed aggressività di tanti cittadini, ma è anche un modo meritorio di rendere più civile la nostra città. Si tratta di un vero e proprio percorso di crescita>>, afferma Marinoni. <<Come esperienza di vita è molto intensa e permette di conoscere bene il territorio sul quale viviamo, e la propria zona di residenza>>, ci racconta Magenta, <<IGEV devono affrontare continue situazioni di emergenza: siamo polizia amministrativa e guardie giurate, possiamo sanzionare e fare segnalazioni alla pubblica sicurezza, gestendo diversi livelli di relazione. Anche il contatto con i ragazzini è molto gratificante: ti accorgi di quanto siano sensibili ai problemi dell’ambiente. La natura per loro è importantissima>>.

QUANDO NE VALE DAVVERO LA PENA .<<Ci sono relativamente pochi giovani, ma in aumento, ed un certo ritorno alla tutela della Natura>>, racconta Magenta, <<è un’esperienza decisiva, ed è anche molto bello il rapporto che si crea con i colleghi uscendo e condividendo esperienze, nell’ottica di un vero spirito di squadra>>.Della conduzione privata di tante aree verdi cittadine (circa 450) che i milanesi stanno chiedendo direttamente in gestione, per poterle curare e sfruttare al meglio, Marinoni pensa ogni bene possibile: <<Non verrà mai il momento in cui tutto il verde pubblico sarà gestito dai privati e lo sforzo economico, ma non solo, dei cittadini, è da incentivare in ogni modo, perché possa essere uno dei futuri possibili del verde milanese>>. Per quanto riguarda il Piano di regolamentazione, <<il Comune, nei limiti del possibile, consulta tutti, dai Municipi alle associazioni ambientaliste e di categoria. Chiaro che non avremo mai una lista completa delle centinaia di realtà che si interessano di verde pubblico e non si possono gestire i pareri di tutti, altrimenti non ci si muove. La consultazione avviene ad ogni livello possibile, ma in una grande città, qualcosa può sempre sfuggire>>.

SCARICA QUI L’ARTICOLO

I numeri:

Oggi a Milano le GEV sono 188 (di cui 143 uomini) e nel 2016 hanno effettuato 32 mila ore di servizio, di cui oltre il 70% nella diretta vigilanza sul territorio.

Sempre nel 2016, le Gev hanno rilevato: 7.574 accertamenti d’infrazione contro chi sosta sul verde pubblico, effettuato 1.322 segnalazioni di problematiche nei parchi (panchine rotte, alberi danneggiati), e compilato 647 verbali di contestazione per altre infrazioni (cani senza guinzaglio, affissioni abusive). Hanno coinvolto circa 6000 ragazzi delle scuole primarie su acqua, rifiuti, energia, risparmio energetico, ed aria.

Le sedi GEV

Sede Centrale
via Ugo Foscolo 5, scala C, piano 6
(tel. 02.88448059)

Zona 1     Via U. Foscolo 5 (c/o Sede Centrale)
Zona 2     Via G. Giacosa 46 (ingresso Parco Trotter)
Zona 3     Via T. Pini 1
Zona 4     Viale Ungheria 29 (c/o Centro Civico)
Zona 5     Viale Tibaldi 41 (c/o Centro Civico)
Zona 6     Via B. Crivelli 5
Zona 7     Via G. Boldini 10
Zona 8     Via F. Giorgi 31
Zona 9     Via Sant’Arnaldo 17 (c/o Cassina Anna)

Per informazioni: http://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/partecipa/volontariato/guardie_ecologiche_volontarie

Quando gli Sponsor salvano il verde

Condividi!

Sempre più aziende private milanesi si occupano della manutenzione di aree e giardini. Si attendono altre sponsorizzazioni grazie al nuovo regolamento comunale in materia

http://www.mitomorrow.it/2017/11/15/quando-gli-sponsor-salvano-il-verde/

mi-tomorrow-2017-11-17-4

 

LEGGI QUI L’ARTICOLO

Non si cancella lo spaccio radendo al suolo un bosco

Condividi!

Il punto sulla spinosa questione del parco “della droga” di Rogoredo.
Al via con Aidaa un tavolo sul verde pubblico: «Cosa c’entrano gli alberi?»

http://www.mitomorrow.it/2016/09/20/rogoredo-il-verde-paga-la-droga/

mi-tomorrow-20-settembre

Ma a volte il Nero vince sul Verde

Condividi!

QUANDO IL SUBAPPALTO CRONICIZZATO RICADE SULLA NATURA
17 TIGLI SANISSIMI RISCHIANO IL TAGLIO SENZA UN VERO PERCHÉ

http://www.mitomorrow.it/2016/07/25/tra-nuovi-orti-sui-tetti-e-vecchi-da-tutelare/

mi-tomorrow-2016-07-25-2

mi-tomorrow-2016-07-25