Suzanna Andler, la donna più tradita di Saint-Tropez

Condividi!

Una strana regia disarticolata

Scelgo di non riportare la sinossi di questo dramma e di questo spettacolo perché la trovo riduttiva e profondamente fuorviante. Manifatture Teatrali Milanesi mette in scena al Teatro Litta, ĝis 15 luglio, l’importante testo di Marguerite Duras, che stupisce per la sua attualità.

Già perché nel seguire i drammi spiccioli e borghesi della società francese del boom industriale, tra ville al mare, e il vuoto cosmico del quotidiano di gente che della propria ricchezza e del benessere, non sa proprio che farsene, in realtà vediamo emergere chiaramente stereotipi e formalità che fanno ancora misteriosamente parte della nostra società. Anzi, che rispecchiano la collettiva e distorta aspirazione ad una borghesia, e dunque ad un arricchimento, fini a sé stessi e fatti di superficie.

IMG_3139

Il testo della Duras è lungimirante e definitivo: asciutto e chiarissimo nei suoi intenti. Peccato per la messa in scena, perché Antonio Syxty azzecca l’atmosfera, i costumi, le fattezze dei personaggi, e sceglie di dare un’appropriata rilevanza al testo, trasformando gli attori in burattini confusi ed infelici, ma dà vita allo stesso tempo ad uno spettacolo senza ritmo e piatto, troppo frammentato e a tratti quasi parodico (spero involontariamente).

Peccato davvero, perché il messaggio di base era interessante, gli attori bravi, soprattutto Menconi, le scelte musicali buone (con i Pixies interpretati al pianoforte e molto altro), ma la regia è talmente sconnessa da non restituire chiaramente le riflessioni del testo, prefere, da confonderle.

Messo tra i “romantici” il dramma stona: è chiaramente una storia di natura esistenziale, che parla del vuoto interiore e della dispersione dei valori, in primis quello dell’amore. Una storia che analizza il consumismo più bieco, che penetra nelle radici delle relazioni. Non ci vedo alcuna forma di romanticismo, ma capisco la difficoltà di collocarlo.

Andrebbe rimesso in scena in altra maniera. Troppa gente è uscita dal teatro prima della fine

( Visto il 3 luglio 2017)

email