The Teacher

Condividi!

REVIEW ON THE HISTORY OF FILM

The Teacher segue da vicino i corti e rumorosi tacchi charleston dell’insegnante Maria Drazdechova (the talented Zuzana Mauréry) that echo through the halls of a high school in Bratislava. In Czechoslovakia in 1983 and the Iron Curtain, the country begins to peek westward, although formally gravity even in the Soviet sphere of influence. At the beginning of new school year, Maria accoglie gli studenti con il suo aspetto solare e un po’ eccentric, lo sguardo gentile e rassicurante, e passa in rassegna una fila dietro l’altra, chiedendo agli alunni di indicarle il mestiere dei genitori. La domanda all’apparenza innocua non stupisce più di tanto i ragazzini, che ne comprendono il significato solo più avanti, quando l’insegnante comincerà ad assegnarecompitiextra per le mamme e i papà, ricattando intere famiglie con la minaccia di brutti voti e bocciature. The woman, presidentessa del partito comunista, sfrutta la sua posizione per ottenere favori e trarre indicibili vantaggi. Nonostante il timore delle ripercussioni, la preside e i genitori si decidono gradualmente ad intervenire, ma paure e fame spingono l’intera piccola comunità a scavalcare continuamente i limiti del ragionevole e del giusto, mettendo in evidenza gli effetti psicologici del totalitarismo. La sceneggiatura è tratta da eventi reali che colpirono profondamente Jan Hrebejk e il suo eccellente sceneggiatore, Petr Jarchovský, in gioventù, e racconta, tra il grottesco ed il reale, i dilemmi morali dell’animo umano, nei confini sottilissimi tra debolezza ed egoismo, pietà e dignità, ricatto e fratellanza, attraverso i valori universali ed imprescindibili dell’educazione e dell’insegnamento.

La paura come prova di carattere

Distribuito da Satine Film, The Teacher è stato l’evento speciale di apertura dell’ultimo Trieste Film Festival. Già applaudito a Karlovy Vary, dove la protagonista Zuzana Mauréry ha conquistato il premio come migliore attrice, il nuovo film del pluripremiato Jan Hrebejk (candidato all’Oscar per il miglior film straniero nel 2000, with Divided We Fall ) è una favola allegorica venata di umorismo che, a partire dal contesto storico del Socialismo reale, trascende ogni coordinata di regime politico e riesce a raccontare quella sottile linea che separa il compromesso dalla corruzione e l’egoismo dalla solidarietà. Il risultato è una storia universale che tocca temi morali ancora profondamente attuali, come il valore dell’insegnamento e il coraggio di opporsi alle ingiustizie. Anziché concentrarsi unicamente sul comportamento e le sorti dell’insegnante, il confronto fra i genitori finisce, nel film, per mettere a nudo le contraddizioni morali ed etiche di una società cresciuta tra giochi di potere e corruzioni quotidiane, in un dibattito amaro sul coraggio di far sentire la propria voce contro il conformismo dello status quo e la ricerca dell’interesse personale.

The Teacher è un film davvero sorprendente, che riesce a trattare in maniera estremamente chiara e con taglio sociologico, argomenti molto complessi e stratificati, come il totalitarismo, l’impostazione ideologica e gli effetti di ogni regime, l’abuso di potere, facendo leva su una forma tragica tanto quanto, a tratti, divertente e Pop (complice l’espressione buffa e comica dell’attrice protagonista), che smorza l’esposizione della violenza intrinseca delle cose e della vicenda, raccontata in maniera potente e convincente.

54106

L’efficacia del messaggio, e della particolare “confezione”, It is emphasized by the final consciousness of having witnessed true stories, but unthinkable, in their baffling absurdity. Certainly this is a film that best represents all the qualities that continue to make great cinema of Central and Eastern, especially for the write originality, the wonderful performers from overt theatrical career, and for never banal humor. The Teacher He was shot in Bratislava, capital of Slovakia, and the authors argue that <<the energy of the Slovak and Czech crew has breathed in the project new and important impulses>>.

coverlg_home

Noteworthy is also the soundtrack Michal Newspaper, that relieves the film. Talented young actors, one more amazing the other parents, and very interesting photograph of Martin Ziaran, remains not too lit, but even anonymous, focused on bright colors, but in pastel tones: very appropriate, also to further dampen the severity of the message.

<<For each of us it happened, and as adults, who as children, to have the feeling that what brings us the benefit is actually the wrong thing to do. Or vice versa: who follow their conscience, their moral code, can instead make us face difficulties, if not even get us some problems. This is why this story can be understood by all>>, he has declared Jan Hřebejk.

the-teacher-film

Unfortunately, human nature does not change.

The personal history of Petr Jarchovský told in The Teacher recalls the atmospheres, the tone and the themes of the previous films of the two authors: Divided we lose: <<How Divided we lose not only spoke of Nazism and the Holocaust, so The Teacher is not a film about Communism, nor on bullying. What interests us is telling the fear, opportunism, human dignity>>, he added Hřebejk.

From horror films of all respect, the end.

email