Sempre più un fiore al... Portello

Sempre più un fiore al… Portello

Condividi!

Sempre più un fiore al... Portello

AL CENTRO DEL NUOVO PARCO STA CRESCENDO UN INNOVATIVO ASILO NIDO CIRCOLARE
VERDE PUBBLICO E MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PER LE FUTURE GENERAZIONI MENEGHINE

Al Portello, una delle più importanti aree in trasformazione della città, in quello che un tempo fu il regno dell’Alfa Romeo, è dal 2001 che si lavora per costruire un nuovo quartiere su un terreno di 260 mila metri quadrati. Fondamentale, in questo senso, la figura di Gino Valle, ideatore dei tre palazzi proprietà di Vittoria Assicurazioni e che oggi dà anche il nome all’enorme piazza antistante la nuova sede del Milan. Al piano di recupero, tra i meglio riusciti degli ultimi anni e con un indice di edificazione basso rispetto agli standard del passato, hanno lavorato anche Cino Zucchi, che ha realizzato sette edifici, e Guido Canali, che ha progettato l’altro grande complesso abitativo che sta sorgendo tra via Traiano e via Gattamelata, nonché l’asilo nido a pianta circolare in costruzione al centro del Parco Portello, vicino al nuovo ponte ciclopedonale.

PROGETTO VERDE – L’accordo di programma, in fase di ultimazione, ha avuto tra gli obiettivi principali la riqualificazione dell’area attraverso la creazione di un’enorme polmone verde, piazze attrezzate, servizi e nuovi insediamenti residenziali e commerciali, al fi ne di ricostruire e riallacciare il tessuto compatto, di origine ottocentesca, della città interna alla circonvallazione con quello più recente della zona periferica a nord-ovest. Il parco, che si estende per circa 60 mila metri quadri, è disposto lungo viale Serra ed è il baricentro del progetto, coordinato dall’architetto paesaggista Charles Jencks assieme allo Studio LAND di Milano. Tre grandi “sculture verdi” – una doppia esse allungata e una spirale che sale verso il cielo – articolano la topografi a del terreno in chiave artistica, dando vita ad un importante e visibile landmark, denominato Spiral of Times e collegato alle aree del Portello Sud e a QT8 attraverso due passerelle ciclopedonali su viale Serra e viale De Gasperi.

STRANE FORME – Il parco accoglie, tra le varie strutture, anche questa graziosa architettura per bambini da 60 posti, che si colloca accanto ad un catafalco dalla forma bizzarra: si tratta del bocchettone per il sottostante tunnel stradale, il sottopasso Gattamelata, progettato inizialmente per servire la Fiera ma che, con i tempi faraonici dei lavori, si è ritrovato in un mondo completamente diverso e senza più una precisa utilità. Di fronte alla nuova piazza, estesa per ben 20 mila metri quadri, sbarca la passerella ciclabile che inserisce il parco nel percorso del “Raggio Verde” e che collega Monte Stella con Portello, Fiera-Citylife e Parco Sempione. Uno dei luoghi più interessanti, in short, per la creazione di un asilo nido contemporaneo, in grado di accogliere le generazioni future.

A cura di
Leda Mariani
@ledy
Photographs by Gianluca Grasso

mi-tomorrow-10-aprile-2015-lowres

email