Tag Archives: MM

Obiettivo partecipazione

Condividi!

RITORNO A PORTA VITTORIA, PER SCOPRIRE IL GRUPPO “EL MODERNISTA”
TRA COOPERAZIONE E CONVIVIALITÀ NELL’UNDERGROUND MILANESE

mi-tomorrow-2016-06-10-pag18

El Modernista è un’associazione di promozione sociale con sede in uno degli spazi di Artepassante, nel mezzanino ferroviario della stazione di Milano Porta Vittoria. Nata come gruppo informale dalla fusione delle passioni e dei valori di Elena, Daniela e Samia, nel 2013 ha vinto un concorso del Comune per l’assegnazione di uno spazio della Palazzina 7 di viale Molise 62 – già tema di discussione su Mi-Tomorrow – e da settembre 2015 si è spostata nell’area underground della metropolitana, in attesa di essere nuovamente ricollocata, dopo l’estate, in uno spazio ancora più grande, di circa 200 metri quadrati. Uno spazio che riempirà di idee, progetti e colore.

POLIFUNZIONALE • Il gruppo di lavoro si propone il triplice obiettivo di operare in ambito educativo, ricreativo e sociale, dando vita ad un centro polifunzionale d’attività destinato a tutti e dal taglio prettamente esperienziale. La struttura, che hanno allestito per aree (gioco, lingua, teatre, laboratori artistici), ha ospitato e ospita corsi di yoga, ginnastica posturale ed inglese per bambini. El Modernista ha progettato e realizzato laboratori nelle scuole tra Milano e Varese ed attività come “Non ti incartare”, per imparare a riciclare, o
“Linear-mente”, sulla natura dei colori. Il Consiglio di Zona 4 ha fin da subito supportato l’associazione, che si propone di organizzare, nello spazio che le verrà attribuito, anche un importante momento di sostegno allo studio per i ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori, supportando le famiglie tutti i pomeriggi, dalle 16.30 alle 19.00, accogliendo bambini e ragazzi dai 5 ai 16 edat.

LE OPERATRICI DI ELMO • «Oggi i soci sono quasi 500, maturati nell’arco di tre anni – raccontano le fondatrici –. Per un gruppo partito a capitale zero, è già moltissimo. Purtroppo non riusciamo ad essere sempre aperti, se non durante le attività pianificate, ma l’obiettivo è quello di espanderci il più possibile, diffondendo la nostra idea di società partecipata». Le “Operatrici di Elmo” – così sono state soprannominate le ragazze, che hanno creato un personaggio che le rappresentasse (il baffuto modernista Elmo, appunto) – trasmettono un’infinita passione raccontando della volontà di organizzare attività conoscitive del territorio per stranieri ed immigrati, ma anche per cittadini curiosi che desiderano approfondire la conoscenza del luogo in cui vivono. «Pensiamo ad attività come corsi di orientamento per la vita cittadina ed il lavoro e per l’educazione al consumo per la cittadinanza – racconta Elena – e vorremmo anche approfondire il discorso della permacultura, un tipo di agricoltura sinergica che potrebbe essere insegnata ai bambini nelle scuole».

INDIVIDUO E COLLETTIVITÀ • Regala speranza incontrare negli sguardi di ragazze giovani, che si stanno impegnando appieno sul territorio, la convinzione di poter lavorare sui valori della partecipazione attiva alle questioni cittadine e sul pregiudizio. «Occorre concentrarsi sui bisogni della gente – sottolinea Samia – per imparare a vivere e a godersi anche gli spazi interni e suburbani, non solo quelli esterni, in una Milano che ne ha riempito il suo territorio». Superare, en breu, i muri della diffidenza e della paura del diverso, allo scopo di influire sulla formazione delle generazioni del futuro «perché sviluppino gli strumenti per colmare i vuoti del sistema e perché costruiscano un mondo migliore, ritagliato sull’individuo, ma in quanto parte di una comunità».

A cura di
Leda Mariani
@ledy

Diversamente istituzionalizzati

Condividi!

IN REPUBBLICA, PROCEDE LA GRANDE OPERA DELL’ATELIER DEL TEATRO E DELLE ARTI
BELLEZZA, DECORO, COMUNICAZIONE: ECCO LA FORMULA CHE COMBATTE IL DEGRADO

http://www.mitomorrow.it/2015/06/23/spazi-diversamente-istituzionalizzati/

mi-tomorrow-2015-06-23