Io uccido

Condividi!

(non proprio io, dico il libro di Faletti!!!…)

Bene bene, dopo l’entusiasmante lettura di Il profumo, mi sono gettata nel diabolico abbraccio della scrittura di Giorgio Faletti, in questo libro uscito ormai da un po’ di tempo e che ancora non avevo avuto occasione di saggiare. Direi che mi ha sorpresa anche questo (è il periodo surpryse!!), perché avevo ipotizzato, date anche le dimensioni del volume, di annoiarmi assai e invece eccomi qui, coinvolta in una lettura frenetica dopo aver superato le prime iper descrittive pagine, sveglia di notte con la torcia in mano pur di comprenderne il più in fretta possibile l’intreccio. Per essere un esordio è stato quasi miracoloso: un testo scritto benissimo (ora capisco perché se ne era parlato tanto), strapieno di colpi di scena, originale nell’intreccio e capace di portare avanti nella maniera più corale possibile uno svariato numero di personaggi tutti egualmente sviluppati. A parte ovviamente la psiche di Nessuno e quella del secondo protagonista Frank Ottobre, con non troppe pennellate si disegnano i tratti di uomini e donne, da Nathan Parker a tutte le vittime di Nessuno, dal commissario Morelli a Nicolas Hulot con sua moglie Celine, di tutti si avverte il peso, la presenza, si viene coinvolti nella vita di ciascuno di essi e si vive con loro la paura e allo stesso tempo la fascinazione per questo personaggio. Un romanzo impeccabile, un thriller interessante e sicuramente orrorifico, un’ottima base anche per costruirci un film.

email