Dio, che scazzo!

Condividi!

Dio che scazzo, che serata di scazzo, davvero…
Non so se andare a dormire oppure piantarmi davanti al televisore e ho mal di testa perché sarebbero almeno una ventina le cose che avrei da fare, No sé, non posso dire nemmeno di non avere voglia di farle, poiché non sarebbe esattamente questo il problema, è solo che non so da dove cominciare e nell’indecisione e dato anche il Pc che stasera si muove veramente lento, straziante…insomma, mi ha fatto girare i coglioni e credo che andrò a leggere a questo punto…perché non ho voglia di stare al telefono, non ho qui nessuno strumento, sono fuori casa, sono sempre fuori casa e se a vessi con me il mio portatile forse ci sarebbero meno problemi, invece così il problema resta e non riesco nemmeno a scrivere due righe sul mio blog…è una vita cazzo che non scrivo e quando ne ho voglia non funziona una pippa e non si può dire nemmeno che sia io a non far funzionare bene una cosa, a non farla funzionare bene, è lei che va proprio a puttane da sola, è il fato…Non so, che vita…mi sembra sempre, in centinaia di situazioni, di partire lanciata per poi ritrovarmi con un masso del cazzo agganciato alle caviglie…non è possibile, è sempre la stessa storia: io cerco di alleggerirmi e invece tutto attorno a me continua indipendente a complicarsi, ad appesantirsi…anche la macchina che ho è difficile da guidare, tutto pesante, tutto vecchio, tutto un bel po’ sbagliato…Eppure sono anche felice, més aviat, adesso, proprio adesso mentre scrivo, ora che finalmente sto scrivendo, mi sento un gran bene.
Pazienza, andrò a leggere…ho qui “Il Profumo” di Suskind che mi attende, ma avrei dovuto scrivere lettere ad almeno venti persone che ogni tot mi scrivono giustamente chiedendomi che fine ho fatto e sottolineandomi sempre in maniera soft quanto sono stronza a darmi per morta così a lungo…eppure io non ho il tempo per leggere in santa pace un libro da anni, lavoro sempre e non ho mai soldi, ed il bello è che non mi compro nemmeno niente!!! Meno male che scrivo veloce…è una benedizione!
C’è crisi, senza dubbio…ma è intorno, la mia è una svolta felice, da un po’ di tempo nel mio cervello si è fatto tutto più chiaro, molto molto più chiaro…mancano i mezzi, ecco, quelli che ti fanno andare più svelto e con meno fatica: il monopattino della situazione, un passaggio gratis in taxi…ecco, sarebbe giusto quello che mi servirebbe…
Certo che il mondo è attualmente davvero stracolmo di coglioni…una gran manica di coglioni, siamo quasi tutti più o meno sullo stesso piano: problemi inesistenti, dualismi, spreco spreco spreco, di tempo, di energie, di risorse, del pianeta, di tutto…il disprezzo che avevo a sei anni per il genere umano non è stato superato…penso che sia giusto estinguersi a questo punto, mi sembra ecologico.
Non solo io merito l’estinzione…credo un po’ tutti…
Sto diventando nazista?!
Ma di questi tempi, ripeto, con attorno questa incredibile ondata di follia collettiva schizofrenica, evidente e allo stesso tempo talmente assimilata da risultare ai più assolutamente invisibile, come si fa a non diventare nichilisti?!
Ahh, va bhè, lasciamo stare, è solo una serata del cazzo e andrò a leggere; domani mi passerà e vedrò il sole apprezzandone la tonalità e sul serio sarò felice di poter essere in vita e me ne fregherò di tutto respirando l’aria e ascoltando canzoncine tra un orecchio e l’altro (le canzoncine della mia testa)…penserò che sono libera in effetti di fare quel cazzo che voglio e lo farò credo e senza sproloqui come questa sera, è che sono nervosa…mi succede di rado, non ci sono abituata…per lo più nulla mi tocca davvero e in effetti anche oggi nulla mi ha toccata, solo mi girano le palle, indipendentemente da tutto ( e guai a chi dice che son cose femminili, non è questa la situazione).
Comunque sono felice di sapere che sono libera e di sapere che ho la faccia di culo necessaria allo sparire da un giorno all’altro senza lasciare troppe tracce, mi rassicura l’idea che se dopodomani mi vien davvero voglia di mollare tutto e di partire sono in grado di farlo…è una bella sensazione!
Comunque, questo è tutto un altro discorso, tanto lo so che domani sarà tutto un altro giorno…poi mi conosco, minimo mi sentirò riempire di gioia per il colore violaceo delle foglie secche! Meno male che l’essere umano è un miscuglio sconvolgente di sensazioni opposte!!
L’incoerenza è proprio intrinseca all’essere umano, ecco perché ammiriamo così tanto l’esatto opposto! No?! Vado a leggere, che è meglio…non si dovrebbe scrivere in momenti si scazzo…
Poi forse ho capito qual è il mio problema: ho sempre un terribile inguaribile mal di denti!!
Ecco, l’ho detto!
Notte…
P.s.: si sa che sapere di dover fare una cosa fa passare completamente la voglia di farla…è questo che rovina le civiltà, è un eccessivo senso del dovere…o almeno… a me l’obbligo, a meno che non sia retribuito, fa più o meno questo effetto…inutile, se voglio faccio grandi cose, ma se mi scatta la mancanza di voglia…e mi scatta di rado, proprio solo quando devo, altrimenti avrei sempre voglia di un po’ tutto…
Ah Italo, quando mi dicesti vent’anni fa di pensare solo a quello che voglio e non a quello che devo!!!…Sante parole, hai dato un senso alla mia vita…
Ad ogni modo io 27 anni non me li sento…forse ne ho cinquanta, oppure sei, più o meno è la stessa cosa.

email